SISTEMA FINANZIARIO

Dalle parole che non capiamo iniziano i nostri problemi

Ti piace questo sistema finanziario?
 

Alla domanda: ti piace questo sistema finanziario quasi certamente la risposta sarebbe no.
E se a questa domanda se ne aggiungesse un'altra:  cosa vorresti che fosse diverso?


Qui dovremmo prenderci  il tempo per pensarci, per non cadere nella trappola della scontatezza e della prassi, alla fine qualche idea sicuramente salterebbe fuori e magari anche buone idee.
A questo punto diventa importante concentrare il pensiero: cosa sono disposto a fare qui e ora per cambiare?
La fisica quantistica ci insegna che è l’osservatore a generare la realtà, quindi potremmo dedurre che siamo stati noi  stessi a generare questo tipo di realtà, anche quella finanziaria.


Questo pensiero ci riporta il concetto di responsabilità, sono direttamente responsabile di quello che sta accadendo, quindi allo stesso tempo posso cambiare quello che sta accadendo.


Respons – abile, abile nel darmi la risposta, mi riprendo il mio potere. 


E così facendo trasformo la pesantezza della ex parola responsabile nella leggerezza della nuova parola abile-respons.
Sono abile, quindi posso anzi devo fare, fare tutte quello che non ho mai fatto per paura, perché non mi sentivo adeguato, perché credevo di non capire, perché pensavo che non cambiasse nulla…


Agire ed è quindi l’azione che fa la differenza, anche essere qui,ora  è già un’azione importante, un atto e un impegno, a prendervi cura della vostra cultura finanziaria, a spingervi verso il centro, a non delegare più a terzi il vostro equilibrio economico.
E come possiamo fare?


Dalle parole che non capiamo iniziano i nostri problemi


…e in banca le parole che non capiamo sono tante…
Cominciamo a rendere semplice il complesso, quello che il sistema rende complesso per tenerci lontani dal presente.

Ma cos’è il sistema?
C’è  un sistema esterno e uno esterno

Sistema interno
Questo lo sappiamo un po’ tutti, chi ha il potere preferisce persone confuse, non edotte, in questo modo può manipolarle meglio.
Così nasce il medichese, il legalese , il banchese
In fatti se non so la differenza fra tan e taeg non saprò comprare un finanziamento in modo corretto
Magari farò si con la testa, ma in realtà non ho capito..d’altra parte cosi fan tutti…vorrà dire che va bene così.
Sistema esterno
Anche qui le cose non vanno tanto meglio, la nostra mente di superficie, viene chiamata da qualcuno lo sfidante,  ci ripete: tanto non capisco … tanto non c’è nulla da fare .. ci penserà qualcun altro.
Qui la legge dello specchio, la legge di risonanza ci viene in aiuto: noi attiriamo, viviamo ciò che capiamo, ciò che risuona in noi.
La situazione non ha un senso oggettivo, il senso è quello che gli attribuisco.
Ecco perché rispetto alla stessa situazione si possono avere emozioni diverse.
Ognuno di noi ha  il suo backgraund e sceglie COME interpretare una esperienza.
Quindi per esempio parlando di CRISI non esiste la crisi in assoluto, esiste quello che noi pensiamo su di essa.
Noi siamo gli artefici di quanto siamo vivendo e di come lo stiamo vivendo, e a seconda di quale strada decidiamo di percorrere potremmo utilizzare la critica (che sarà il nostro ostacolo) o l’opportunità (che sarà la nostra forza per agire).

© 2017 by Daniela Lorizzo Consulente di Economia Consapevole

P.IVA 02161220393